venerdì 21 febbraio 2020

Covid-19 il nuovo coronavirus - Istruzioni per proteggervi

Nel video viene spiegato che il coronavirus (COVID-19), secondo le fonti ufficiali, e salvo mutazioni, sarebbe pericoloso solo per le persone già debilitate ad esempio da malattie croniche o problemi immunitari. Occorre restare, anche nelle situazioni difficili come questa, sempre positivi. 
Anche solo a fini di cultura personale sarebbe importante conoscere tutte le precauzioni che vengono prese nelle aree dove l'epidemia si è molto diffusa provocando quarantene di massa. 

Il video ha appunto lo scopo di educare su come non contagiarle (e salvarle) qualora una epidemia arrivi nelle città dove abitano. La vita di tutti è preziosa, compreso quella di malati ed anziani che sono appunto i più minacciati da questo virus perché, sempre secondo le fonti ufficiali, le persone con buon sistema immunitario, ne guarirebbero più facilmente. 


 

mercoledì 15 agosto 2018

Genova, ponte Morandi. Lo sciacallaggio del PD nei confronti del M5S (di Giuseppe PALMA)

In queste ore esponenti del Partito democratico mostrano in TV e sui social un documento, datato 8 aprile 2013, in cui il M5S si sarebbe opposto alla costruzione di una gronda che avrebbe messo in sicurezza ponte Morandi a Genova. 


Attenzione, è vile strumentalizzazione politica! 
Il Comune di Genova è stato amministrato ininterrottamente dal 1948 al 2017 prima dal PCI e poi da PDS, DS e PD. Idem Regione Liguria, con poche eccezioni per qualche breve periodo. Il M5S è all'opposizione sia in Comune che in Regione. È invece al governo del Paese da appena 75 giorni (dal 1° giugno 2018, in alleanza con la Lega). Le responsabilità per quanto accaduto ieri a Genova, oltre ad essere riconducibili all'austerità impostaci dai vincoli europei e dai governi nostrani degli ultimi sei anni e mezzo, sono quindi del PD. Vediamo il perché. 


Le interrogazioni parlamentari sul cedimento dei giunti di ponte Morandi risalgono al 2015 e al 2016, quando al governo del Paese c’erano Matteo Renzi e il suo Partito democratico, che non hanno mosso un dito, cioè non hanno fatto assolutamente nulla per evitare il disastro. 
All’epoca Renzi&Co. erano forse impegnati nell'approvare in Europa la direttiva sul bail-in per salvare le banche e fregare i risparmiatori. 
Le opposizioni criticano e si oppongono, è il loro compito, ma poi le decisioni e le responsabilità spettano a chi governa. E a governare nel 2015 e nel 2016 – quando il senatore Rossi presentò le due interrogazioni parlamentari sopra richiamate – erano Renzi e il Pd. Da questo dato non si scappa. 

Il resto è sciacallaggio puro da parte del Partito democratico. 


Questo un tweet dell’Onorevole del PD Alessia Morani col quale la parlamentare espone alla gogna mediatica il documento M5S del 2013, senza esporre tuttavia le interrogazioni parlamentari sopra citate quando al governo del Paese c’erano Renzi e il suo Pd. Vergogna! 

P.S. Non sono iscritto né ho votato il M5S, ma l’onestà intellettuale di dire la verità viene prima di qualsiasi logica di appartenenza politica.

Fonte: 
https://scenarieconomici.it/genova-ponte-morandi-lo-sciacallaggio-del-pd-nei-confronti-del-m5s-di-giuseppe-palma/

mercoledì 28 dicembre 2016

Possono ingannare tutti, ma non il contadino

Per caso abbiamo conosciuto un agricoltore – Giovanni Cicciarella – che, da anni, osserva i mutamenti climatici che, a suo avviso, hanno finito con l’interferire con i ritmi biologici di piante, animali e forse anche dell’uomo. Racconta degli interessi delle multinazionali per l’area Iblea


Sarebbe facile definirlo ‘complottista’. Solo che alcune delle cose che racconta – con gli interessi che ci stanno dietro – sono da tempo visibili. Come il Muos di Niscemi. Come i droni. Come i fatti di Canneto di Caronia. Come le auto bloccate nella galleria di Tremonzelli… E come i tentativi, ripetuti, di ‘cementificare’ il territorio siciliano Che sta succedendo nell’altipiano Ibleo, nelle aree agricole che si distendono tra Ragusa e Modica, tra ulivi, carrubi, mandorli, muretti a secco e animali al pascolo? Ce lo chiediamo da qualche tempo, soprattutto da quando le voci raccolte qua e là raccontano di grandi ‘appetiti’ speculativi che poco o nulla avrebbero a che fare con l’agricoltura. E ce lo siamo chiesti, qualche giorno fa, quando, trovandoci a Santa Caterina Villermosa, per seguire un convegno organizzato dal Movimento Siciliani Liberi, abbiamo ascoltato, con molto interesse, l’intervento di un agricoltore: Giovanni Cicciarella
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...