martedì 29 giugno 2010

Ecco il suono della "Particella di Dio"

La particella di Dio, l'inafferrabile bosone di Higgs, non è stata ancora scoperta ma la sua ''voce'' e' stata ricostruita grazie alla simulazione fatta da un gruppo di fisici e musicisti, basata sull'esperimento Atlas, uno dei quattro grandi esperimenti in corso nel piu' grande acceleratore di particelle del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra.


I dati sperimentali che probabilmente faranno riscrivere molte pagine dei libri di fisica sono stati tradotti in suoni e musica e l'obiettivo dichiarato dai ricercatori, coordinati dalla britannica Lily Asquith, è ''interessare la gente ai risultati degli esperimenti dell'Lhc in modo nuovo, eccitante e comprensibile''.
Tradurre la fisica in musica ''è anche un modo per far comunicare arte e scienza e, soprattutto, per fare vedere il "bello" che noi ricercatori vediamo nei numeri: c'e' davvero molta estetica nella fisica'', ha detto Manuela Cirinni, del Cern.

Il compito davvero difficile dei fisici-musicisti è stato ''trovare un metodo rigoroso per rappresentare cose delle quali non sappiamo niente'', ha spiegato Cirinni. I ricercatori si sono chiesti innanzitutto che cosa potrebbe accadere nelle numerosissime celle dei rivelatori dell'esperimento Atlas nel momento in cui le collisioni tra i protoni nell'anello di 27 chilometri dell'acceleratore dovessero produrre il bosone di Higgs. Hanno pensato così di scomporre il passaggio delle particelle all'interno del rivelatore, assegnando un suono a ciascuna cella: più sono le celle colpite, più numerosi e complessi sono i suoni.

fonte ANSA
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...