domenica 12 settembre 2010

Taken

Una saga fantastica in cui le storie di tre famiglie nel corso di tre generazioni si intrecciano con il mistero di una serie di rapimenti ad opera di entità aliene sulla Terra.


Taken racconta la storia, che si svolge nell’arco di cinque decadi e quattro generazioni, di tre famiglie: i Keys, i Crawford, ed i Clarke.
Il veterano della seconda guerra mondiale Russel Keys è perseguitato da incubi sul rapimento subito dagli alieni durante la guerra; l’incidente di Roswell trasforma Owen Crawford da un ambizioso capitano dell’aeronautica in un malvagio cospiratore del governo ombra; Sally Clarke, insoddisfatta del suo matrimonio, viene messa incinta da un visitatore alieno.

Con il passare dei decenni, gli eredi di ciascuna famiglia sono coinvolti nelle macchinazioni degli alieni, che si concludono con la nascita di Allie Keys, il prodotto finale dei loro esperimenti, che rappresenta la chiave del loro futuro…

Uno dei serial di fantascienza più bello degli ultimi anni, è un peccato non poterlo vedere in una, due volte ma è comunque divertente godersi anche gli episodi che si intrecciano e trascinano in modo veramente magistrale, evitando di annoiare lo spettatore in ogni momento.
Il cast degli attori merita veramente le attenzioni di un genio come Spielberg che ha creato insieme ai vari registi un bel capolavoro, non tralasciando il risultato degli effetti speciali curati nei minimi particolari grazie anche all'aiuto della computer-grafica.

La storia è impressionante, scritta mescolando la giusta dose di fantasia e fantascienza alle notizie storiche divulgate dal 1947 ad oggi.

Un film da vedere e... rivedere e spero in un seguito o magari una storia parallela... altrettanto lunga.

Non so cosa accadrà adesso.
Non so che cosa sto per diventare, che cosa sto per imparare, ma quello che so è
"La vita, tutta la vita, è farsi domande, non conoscere le risposte.
E’ il voler vedere quello che c’è oltre la collina vicina che ci fa andare avanti.
Dobbiamo continuare a farci domande, voler capire.
Anche se sappiamo che non troveremo mai risposte, dobbiamo continuare a farci domande.






RECENSIONE
 “Taken” si è così conclusa sul piccolo schermo, ed una prima riflessione si impone a tutti (ufologi, operatori di massmedia e gente comune).
Steven Spielberg, da quel Maestro che è, ha saputo rendere appetibili al semplice telespettatore le tematiche – estremamente complesse ed inquietanti – proprie delle abductions (i presunti rapimenti alieni).

La rivelazione finale della serie consiste dunque nel fatto che gli extraterrestri, originariamente attratti dal nostro pianeta per motivi di studio, successivamente avrebbero dovuto rilevare la propria carenza in materia di quelle emozioni e sentimenti “umani” che invece fa la nostra forza .
Ciò, da un lato, configura una continuità ideale con i precedenti capolavori cinematografici dello stesso regista (“Incontri ravvicinati del terzo tipo” ed “ET”) finalizzati all’affermazione del principio che molto probabilmente l’Uomo non è solo nell’Universo; dall’altro, individua un contesto ed uno scenario estremamente coerente con i postulati della letteratura ufologica degli ultimi anni.

Pur tra le prospettive diverse con cui gli esperti hanno guardato al tema delle abductions (da quella positiva e rassicurante di W.Strieber a quella terrorizzante di B.Hopkins e di D.Jacobs), e considerando la quasi totale mancanza di certezze sull’argomento, nondimeno la dottrina degli ultimi anni ha saputo concentrare la propria attenzione su alcuni punti-cardine del fenomeno (la percezione dell’Altro come di un’entità estranea ed invasiva, la realtà fisica degli impianti rilevati all’interno dei corpi dei presunti rapiti, il collegamento quasi sistematico con l’avvistamento di UFO ). Tutte argomentazioni presenti anche nella trama di “Taken”.

Davvero encomiabile , a parere di chi scrive, lo sforzo concettuale con cui il regista ha saputo recepire gli spunti della dottrina ufologica . Tra i fatti reali presentati nella serie, non possiamo non notare : l’accenno ai foo-fighters della Seconda Guerra Mondiale; la sequenza cronologica con cui l’Aeronautica Militare USA presentò pubblicamente l’affaire di Roswell (prima un disco volante, poi un pallone aerostatico); il collegamento alla vicenda dei coniugi Betty e Barney Hill (presunti rapiti nei primi Anni Sessanta); un accenno, all’inizio di una puntata, al tema dei cerchi nel grano (argomento sfortunatamente non sviluppato); il riferimento alla possibilità di interazione fisica tra gli alieni ed il disco volante al fine di realizzare tipologie eccezionali di energia motrice, esattamente come ipotizzato dal Col.P.Corso relativamente ad una particolare razza di alieni, i cosiddetti “Grigi”; il fatto che una delle località dove si ambientava la serie fosse la cittadina di Lubbock, nel Texas (dove negli Anni Cinquanta furono osservate delle luci anomale nel cielo, le cosiddette “luci di Lubbock”).

Tra i “grandi assenti” nella trama di “Taken”, per quanto concerne i singoli spezzoni del panorama ufologico americano , le Mutilazioni Animali Misteriose (MAM) o il famoso “uomo-falena” del West Virginia del 1966 (che ispirò il film “The Mothman Profecies” con Richard Gere).

Un discorso a parte merita l’Area 51 nel Nevada, la località dove secondo alcuni il Governo degli Stati Uniti studierebbe in gran segreto la tecnologia aliena operando un processo di retroingegneria di cui si sarebbero avvantaggiate le industrie americane dopo la Seconda Guerra Mondiale.
La serie televisiva presenta questo luogo come l’unica sede istituzionalmente preposta da Washington ad occuparsi di questi problemi (è evidente l’impatto che l’Area 51 ormai esercita a livello mediatico, anche al di fuori della ristretta comunità degli ufologi); di questo evidentemente si è tenuto conto, allorquando una delle puntate ha riguardato il trasferimento dal Nevada nel Maine delle persone e delle attrezzature per lo studio degli UFO, consapevolmente alla circostanza che l’Area 51 sarebbe diventata in futuro una sorta di “specchietto per le allodole” che avrebbe consentito agli esperti governativi di continuare ad occuparsi del problema altrove ed indisturbati.
Inoltre, il peso attribuito dalla serie all’ Area 51 ha fatto sì che la trama di “Taken” praticamente non esaminasse il peso avuto da quei contesti che negli USA realmente studiarono il problema degli UFO nel Secondo Dopoguerra (le varie iniziative istituzionali poi confluite nel “Project Blue Book”, il “Rapporto Condon” per l’analisi sistematica del problema , la cui realizzazione fu commissionata dal Governo americano all’Università di Boulder, nel Colorado).

In definitiva , all’interno della trama della serie si può dire che manchi quel “filone cospirazionista” che invece caratterizzò le vicende di “X-Files” e soprattutto di “Dark Skies”; ma forse è proprio questo che ce la fa apprezzare, nel senso che “Taken” sembra privilegiare il tema della ricerca pura in uno scenario che vede alla fine le due razze impegnate in un costruttivo confronto, indipendentemente dagli effetti che possono derivare da certe affermazioni di contorno (peraltro, spesso non verificate) che hanno sovente impedito lo sviluppo di un dibattito serio e costruttivo.
di Mauro Panzera

Episodio 1
In un combattimento aereo per i cieli della Francia, durante la Seconda guerra mondiale, il velivolo colpito del capitano Russell Keys, invece di schiantarsi al suolo, entra in una misteriosa luce blu. Uscitone miracolosamente indenne insieme al suo equipaggio, Russell torna alla sua vita normale. Ma lo tormentano strani incubi mentre tutti gli altri suoi compagni muoiono in circostanze inspiegabili. Alcuni anni dopo, il cinico Capitano Owen Crawford indaga per conto del governo, sulla caduta nel deserto vicino alla base militare di Roswell, di un oggetto non identificato. Contemporaneamente, in Texas, la giovane madre Sally incontra uno strano, gentile, forestiero, a cui dà ospitalità e che la seduce.

Episodio 2
Quando apprende di essere stato rapito dagli alieni, Russell Keys lotta per impedire che il figlio di 13 anni Jesse vada incontro al suo stesso destino. Il colonnello Crawford non riesce a svelare il mistero nascosto dietro il veicolo spaziale caduto a Roswell dieci anni prima, ma individua la chiave per scoprirlo in Jacob Clarke, il figlio di Sally, un bambino che manifesta poteri sovrannaturali.

Episodio 3
Nel 1962, il colonnello Crawford, nel disperato tentativo di salvare il suo progetto top secret dall'archiviazione presidenziale, si mette in cerca di Jacob Clarke e nel tragitto incontra Russell e Jesse che si offrono volontariamente per una serie di esami, in un ultimo sforzo per evitare ulteriori rapimenti.

Episodio 4
Nel 1970 i figli del colonnello Crawford, Eric e Sam si riuniscono attorno al padre nel momento di crisi della sua carriera, ma i due hanno dei propositi nascosti. Sam conduce un'indagine che lo porta fino all'Alaska, dove scopre una nuova, pericolosa verità sugli alieni che produce pericolose conseguenze. Intanto Jesse Keys, ormai adulto, ritorna dal Vietnam perseguitato dagli incubi sul suo passato.

Episodio 5
Nel 1980 Jacob Clarke torna al capezzale della madre morente, e condivide il suo segreto sugli alieni con il fratello Tom che non ha mai creduto agli extraterrestri. Eric porta avanti le indagini governative del padre insieme al dott. Chet Wakeman. I due si mettono all'inseguimento di Jacob e Jesse, fino ad un drammatico confronto tra i militari, le vittime e una serie di visitatori inaspettati.

Episodio 6
Con la morte di Jesse Keys e di Jacob Clarke, gli alieni prendono di mira i loro figli, Lisa e Charlie. La prima viene protetta dagli extraterrestri, mentre il secondo viene sottoposto ai loro studi ed esperimenti. La ricerca di Eric sugli Ufo ha modo di proseguire, grazie soprattutto all'aiuto del dott. Wakeman che in realtà ha dei precisi progetti sulla figlia di Eric, Mary.

Episodio 7
Charlie apprende di essere il padre di Allie, la figlia di Lisa, una bambina dalle doti eccezionali. Il dott. Wakeman è a capo dell'indagine sugli Ufo insieme alla spietata giovane amante Mary Crawford. La piccola Allie diviene consapevole dei suoi poteri mentre si trova in una pericolosa situazione, catturando ancora di più l'attenzione di Mary che vuole rapire la bambina per favorire il suo progetto.

Episodio 8
Mary ed il dott. Wakeman vengono tagliati fuori dal progetto dal generale Beers, che rapisce Allie e la porta in North Dakota, dove intende usarla come esca per catturare gli alieni. Mary, Lisa e Charlie si mettono alla disperata ricerca della bambina, ciascuno spinto da motivazioni diverse.Quando nel cielo appaiono dei bagliori luminosi, la trappola sta per scattare.

Episodio 9
Un'astronave distrutta dal fuoco dell'esercito americano sembra riprendere a funzionare e prende Allie con sè, portandola via. Ma la scena è un trucco per permettere ad Allie di scappare con i suoi genitori. Mentre è inseguita dal dott. Wakeman e dall'amante, la bambina si ricongiunge ha uno straordinario ricongiungimento con la famiglia.

Episodio 10
Mentre la famiglia è diretta alla loro fattoria nel Texas, Allie viene a conoscenza del suo vero destino. In un momento, i decenni di segreti non svelati costringono la bambina e i suoi genitori alla scelta più difficile della loro vita.

Per il momento Steven Spielberg ha dichiarato che, sebbene il finale di “Taken” sia “aperto” , non ha intenzione di produrre un seguito per la miniserie.
Noi tutti speriamo vivamente che il regista cambi idea. Incrociate le dita!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...