martedì 24 agosto 2010

Tremonzelli: la galleria dei misteri

Non è la prima volta che accade ma fa sempre un certo effetto. Qualcuno ricorderà di certo il caso di Caronia, quando un intero paese venne evacuato a seguito di innumerevoli incendi spontanei ed inspiegabili, le cui cause non vennero mai accertate.


Ecco ora qualcosa di molto simile si sta verificando lungo un tratto della A19 Palermo- Catania, all’interno della galleria Tremonzelli.
Strani incidenti che coinvolgono i mezzi in corsa. Per la verità non è niente di nuovo. E’ possibile rintracciare ben 6 precedenti a partire da 20 anni fa.

Sempre identica la dinamica.
I testimoni raccontano di un black-out dopo essere entrati in galleria. L’impianto elettrico non funziona più e anche il motore si spegne. Chi si trova alla guida, perde il controllo dell’auto.

L’ultimo caso è capitato sabato scorso ad un giornalista, che percorreva il tratto di strada insieme ad un’amica ed ha riscontrato la bizzarra anomalia.

Della vicenda si sta interessando l’Anas, il cui direttore regionale, Ugo Dibennardo, ha già annunciato la messa in atto, a breve, un attento monitoraggio all’impianto dell’intera galleria.
Sembra infatti che la Tremonzelli, oltre a presentare alcuni malfunzionamenti alle cabine di trasformazione, sia spesso sottoposta ad interventi di manutenzione dei corpi illuminanti. L’operazione è ovviamente finalizzata alla messa in sicurezza del tratto a beneficio degli automobilisti.

Ma a testimonianza della particolarità della situazione anche il CUN, Centro Ufologico Nazionale, si è dimostrato interessato a verifiche più approfondite.
Uno dei membri del coordinamento, Vito Piero di Stefano, ha dichiarato:

«Ci stiamo occupando del fenomeno ma per rilevazioni di campi elettromagnetici servono apparecchiature particolari, come quelle usate a Canneto di Caronia nel Messinese, di cui dispone solo la Protezione civile. Speriamo di poterne disporre quanto prima».

Già speriamo, perché sul caso della galleria Tremonzelli, è necessario fare luce quanto prima. In tutti i sensi.

Autore: Katiuscia Provenzani
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...