domenica 10 giugno 2012

Avatar: La leggenda di Aang

Acqua, Terra, Fuoco, Aria... questi elementi sono la base dell'armonia del mondo di Avatar. 4 elementi per 4 nazioni che ne governano il dominio. Ma un giorno la nazione del Fuoco decise di dar battaglia al mondo per sovrastarlo distruggendone così l'equilibrio. Solo l'Avatar, colui che domina tutti e 4 gli elementi e comunica con il mondo degli spiriti, può fermare la marcia della nazione del Fuoco e ripristinare l'equilibrio del mondo. 


Purtroppo però egli scomparve per 100 anni senza che nessuno sapesse dove fosse... Finchè un giorno Katara e suo fratello Sokka, in un viaggio tra gli iceberg del loro paese, trovarono dentro uno di essi un ragazzo, un dominatore dell'aria di nome Aang ed il suo animale di nome Appa, un bisonte volante. Aang è in realtà l'Avatar ed anche l'ultimo dominatore dell'Aria rimasto in quanto, consci del fatto che l'Avatar si sarebbe reincarnato in uno di essi, vennero sterminati dalla nazione del Fuoco. 
L'Avatar infatti dopo la sua morte si reincarna in uno dei paesi con un dominio differente dal precedente seguendo un ciclo Fuoco - Vento - Acqua - Terra e seguendo il medesimo cerchio, a seconda dell'elemento, deve imparare i successivi elementi nell'ordine giusto. Purtroppo per Aang però, durante gli anni di prigionia, molti non credono più nell'avatar e lui stesso non desidera esserlo non accettando il suo stato fin quando non si rende conto di quanto male ha compiuto il paese del Fuoco. E' allora che comincia il suo viaggio con Katara e Sokka alla ricerca di maestri che possano insegnargli il dominio degli elementi, per sfuggire al principe Zuko del paese del Fuoco, che è ossessionato dal desiderio di catturarlo per riavere il suo onore perduto, ed infine per liberare il mondo dalla predominanza del paese del fuoco e delle sue macchine che portano solo morte e distruzione.

Avatar - La leggenda di Aang è un anime statunitense di 61 episodi divisi in 3 stagioni caratterizzata da uno stile asiatico e arricchita dalle arti marziali e della magia elementale, la serie segue le avventure dell'ultimo Avatar, Aang, e dei suoi amici nella loro missione per salvare il mondo dalla Nazione del Fuoco.
La serie è impostata come una serie di libri, in cui ogni episodio funge da capitolo, e ogni stagione da libro. I primi due libri sono il Libro dell'acqua e il Libro della terra, ognuno composto di 20 capitoli, la terza stagione, il Libro del fuoco, di 21 episodi. La Nickelodeon avrebbe prodotto anche Il Libro dell'aria (4a stagione da 20 episodi) ma quest'ultimo non è stato prodotto perché non ce n'era bisogno. 



 
Avatar: The Legend of Korra
Avatar ha ricevuto numerosi riconoscimenti e ottime critiche in tutto il mondo, vincendo addirittura un Emmy Award, e nel 2010 la Nickelodeon ha annunciato la produzione di una nuova serie che verrà trasmessa nel 2012 dal titolo The Legend of Korra, narrante le avventure della giovane Korra, l'Avatar successivo ad Aang.
Legends of Korra è ambientato settanta anni dopo le vicende di La leggenda di Aang.


Korra è una ragazza forte e determinata, dotata dei poteri dell'Avatar: ha infatti le potenzialità per dominare allo stesso tempo tutti e quattro gli elementi. Già in grado di dominare alla perfezione acqua, fuoco e terra, Korra non è ancora in grado di padroneggiare l'aria, che era invece l'unico elemento con cui il suo predecessore Aang si sentiva a suo agio all'inizio della "sua" storia. A istruirla nell'arte del dominio dell'aria sarà proprio il figlio di Aang e Katara, Tenzin, uno degli ultimi maestri dell'aria rimasti. Per seguire Tenzin, Korra lascerà la sua famiglia e la tribù dell'acqua del Sud da cui proviene — la stessa di cui erano originari Katara e Sokka — avventurandosi a Republic City, città sorta dalle ceneri della capitale della nazione del fuoco. La vita a Republic City non è però tutta rose e fiori: la metropoli, che ricorda una New York orientaleggiante, è agitata del malcontento delle persone che non sono in grado di dominare alcun elemento, che si sentono oppresse dai dominatori. Starà a Korra cercare di riportare ordine a Republic City.


Avatar: La leggenda di Aang è ambientato in un mondo fantastico, abitato da esseri umani, animali fantastici e creature soprannaturali. L'umanità è divisa in quattro nazioni: 
  • Tribù dell'acqua 
  • Regno della terra 
  • Nomadi dell'aria 
  • Nazione del fuoco 
All'interno di ogni nazione esiste un ordine di uomini e donne chiamati "Dominatori" che hanno la capacità di padroneggiare uno dei quattro elementi: aria, acqua, terra e fuoco. Queste arti di dominio scaturiscono dall'unione delle arti marziali con il misticismo elementale. 
I tipi di Dominio sono: 
  • Dominio dell'acqua
  • Dominio della terra
  • Dominio del fuoco
  • Dominio dell'aria
In ogni generazione nasce una persona capace di dominare tutti e quattro gli elementi: l'Avatar, lo spirito del pianeta manifestato in forma umana. Quando l'Avatar muore, lui o lei si reincarna in un neonato di una delle quattro nazioni, continuando così il ciclo. 
L'Avatar deve acquistare padronanza degli elementi, cominciando dal suo elemento natale (stabilito dalla stagione e dal luogo in cui è nato: inverno per acqua, primavera per terra, l'estate per fuoco e autunno per aria), per acquistare la forza di mantenere l'ordine e l'equilibrio tra i vari popoli. 
L'Avatar inoltre possiede un potere unico, lo Stato dell'Avatar, una sorta di trance che funziona da meccanismo di difesa incrementando vertiginosamente i suoi poteri, sfruttando le abilità e le conoscenze di tutti gli Avatar precedenti. Questo potere si attiva nel momento in cui l'Avatar rischia di morire o se una persona a lui cara è in grave pericolo. Quando entra in questo stato la bocca, gli occhi e i tatuaggi (nel caso dei dominatori dell'aria) cominciano a emettere luce.
L'incandescenza è la rappresentazione degli spiriti delle incarnazioni precedenti, che mettono a fuoco la loro energia attraverso il suo corpo. Se l'Avatar venisse ucciso in questa condizione, tuttavia, il ciclo di reincarnazioni sarebbe spezzato e cesserebbe di esistere. 

Influenze culturali 
Avatar attinge intensamente dall'arte e dalla mitologia asiatica per creare il proprio universo immaginario. Escludendo lo stile grafico del cartone, che si ispira eslicitamente alle opere di Hayao Miyazaki e della Gainax, la serie agglomera filosofie, religioni, miti, costumi, tradizioni e arti marziali asiatiche. 
Le sue influenze culturali più esplicite riguardano l'arte e la storia della Cina, l'Induismo (l'Avatar è un concetto induista), il Taoismo, il Buddhismo e lo Yoga. 
Si può inoltre notare che ognuna delle "nazioni " del mondo di Avatar contenga al suo interno elementi culturali di Stati asiatici diversi: 
  • la Nazione del Fuoco rispecchia maggiormente quelli cinesi del periodo Tang e giapponesi
  • il Regno della Terra (vasto e variegato al suo interno) quelli cinesi della dinastia Qing, giapponesi del periodo Heian e coreani
  • i Nomadi dell'Aria quelli tibetani e nepalesi
  • mentre le Tribù dell'Acqua si rifanno al popolo Inuit
Stili di combattimento 
Gli stili di combattimento della serie derivano dalle arti marziali; le tecniche e le armi di lotta sono basate sulle arti marziali cinesi, e ognuna delle arti del dominio corrisponde a un determinato stile del mondo reale. I creatori della serie hanno usato: 
  • Il Tai Chi per il Dominio dell'acqua. 
  • Lo stile Hung Gar per il Dominio della terra.
  • Lo stile Shaolin della Cina settentrionale per il Dominio del fuoco. 
  • Lo stile Ba Gua Zhang per il Dominio dell'aria. 
Consigliamo a tutti, anche ai più scettici verso il cartoon made in USA, la visione di questo Avatar: the Last Airbender. Tralasciando alcuni difetti marginali nella realizzazione tecnica - comunque di alto livello - ci si troverà di fronte una produzione appagante e coinvolgente, con un background culturale coerente e ben costruito, ed una narrazione - sebbene rivolta ad un pubblico giovane - che non mancherà di appassionare anche lo zoccolo duro dei fruitori di anime giapponesi. 

Fonti:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...