domenica 26 maggio 2013

Avvistamenti UFO - Catalogo Provinciale di Foggia

Avvistamenti tratti dal database del Centro Italiano Studi Ufologici ©1984-1997
13/10/77 11.30 MANFREDONIA (FG) - Due pescatori, che al momento del fatto si trovavano molto distanti fra di loro, si recarono, quasi contemporaneamente, nella Capitaneria di Porto di Manfredonia per dichiarare di aver udito uno scoppio improvviso e di aver visto un oggetto, seguito da una scia di fumo denso, precipitare verso terra. Le ricerche intraprese da unità della Marina e dell'Aeronautica non approdarono a nulla. I testimoni affermarono che, secondo loro, a causa della forma dell'oggetto e del tipo di scia, non poteva trattarsi di un aereo.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 14/10/1977)


14/09/78 06.00 FOGGIA - Mentre camminava, Franco Trantaso notò, al di sopra delle case, un oggetto da lui scambiato, in un primo momento, per la luna; ma poi si accorse che questo si muoveva lentamente. Ad una più attenta osservazione, l'oggetto apparve prima come "uno spicchio di luna" da cui partivano due fasci luminosi, per poi assumere la forma di un semicerchio. Aumentando la luminosità, esso assunse l'aspetto di una "semiellisse" finché si divise in due parti, la prima a forma di semicerchio e la seconda semiellittica. Poi all'improvviso scomparve. L'oggetto aveva le dimensioni di una cinque lire ad una distanza di cinquecento metri. C'è da rilevare che nella zona sorvolata dall'oggetto vi erano due cabine elettriche di trasformazione.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 15/09/1978 - Il Giornale dei Misteri 101/1979)


16/09/78 20.25 RODI GARGANICO (FG) - Il corrispondente de "Il Tempo", Francesco Mastropaolo, vide, all'improvviso nel cielo, un fascio di luce. La scia, bianchissima e di forma triangolare, presentava ai lati due piccoli corpi, "come fossero delle lampadine".
(Il Tempo 18/09/1978 - Il Giornale dei Misteri 94/1979)

13/12/78 04.?? VICO DEL GARGANO (FG) - Il rag. Tino Vivoli e la moglie videro due oggetti di diversa grandezza, fermi nel cielo, che emettevano "fasci molto intensi di luce gialla".
(Il Tempo 14/12/1978 - Il Giornale dei Misteri 122/1980)

07/01/51 06.00 TRINITAPOLI (FG) - Numerosi viaggiatori che si trovavano nella stazione ferroviaria, fra cui il rag. Antonio Maggio, il dott. Francesco Falcone e l'appuntato della Guardia di Finanza Tarallo, notarono, per oltre 20 secondi, un disco volante, con una scia luminosa, che solcava il cielo in direzione SUD-OVEST.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 08/01/1951)

25/10/54 06.00 SERRACAPRIOLA (FG)
- Un autista di autobus, il sig. Gaetano Prisco,
con il fattorino ed alcuni passeggeri videro un disco volante che, a forte velocità e ad un'altezza di circa 2.000 metri transitava nel cielo con direzione Termoli-Promontorio del Gargano.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 27/10/1954)

27/01/56 16.10 MONTE S.ANGELO (FG)
- Dodici corpi luminosi (in successione di 2, 3 e 7) vennero avvistati dall'osservatorio dell'Aeronautica Militare.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 29/01/1956)

27/01/56 16.15 AMENDOLA (FG) - Due dei 12 corpi avvistati da Monte Sant'Angelo, si diressero verso l'aeroporto militare di Amendola, dove aveva sede il Nucleo Addestramento Velivoli a Reazione. Il comandante del Navar, allora, si alzò in volo a bordo di un reattore per tentare di intercettare i corpi luminosi, ma dovette desistere a causa delle cattive condizioni meteorologiche (...fortissimo vento!).
(La Gazzetta del Mezzogiorno 29/01/1956)

22/06/64 00.30 S.FERDINANDO DI PUGLIA (FG) - Il panettiere Matteo Scala notò, insieme al figlio e ad altri lavoranti, due "ruote luminose", della apparente grandezza di "ruote d'auto" e di un colore tra il bianco ed il viola, apparse improvvisamente nel cielo notturno a grande altezza, che si dirigevano a forte velocità verso la costa. Il fenomeno si ripetè ogni notte sino al 2 luglio ed ebbe, come testimoni, oltre allo Scala, anche il prof. Bafunno e sua moglie.
(Il Giornale del Mattino 03/07/1964 - La Domenica del Corriere 19/07/1964 - Inchiesta del Gruppo "F.U.R.S.E.P." di Bari - Il Giornale dei Misteri 85/1978 - Ufo in Italia Vol. 3°)

30/07/65 17.?? AMENDOLA  (FG) - Identico oggetto fu avvistato anche ad Amendola.
POSSIBILE CAUSA: Pallone sonda.
(Espresso Sera 01/08/1965)
  
30/07/65 17.?? FOGGIA - Identico oggetto fu avvistato anche a Foggia.
POSSIBILE CAUSA: Pallone sonda.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 31/07/1965)

30/07/65 17.?? MANFREDONIA (FG) - Identico oggetto fu avvistato anche a Manfredonia.
POSSIBILE CAUSA: Pallone sonda.
(Espresso Sera 01/08/1965)

??/09/66 SERA COSTA DEL GARGANO (FG) - Il Dr. Gerardo Bagnulo notò, insieme alla moglie ed alle figlie, bassi sull'orizzonte, due corpi luminosi che si stagliavano nettamente contro un banco di nuvole. Il primo oggetto, più grande, aveva la forma di un sigaro, ma non era molto nitido; era di colore grigio-verde-azzurro, ed aveva un moto piuttosto irregolare. Il secondo, più piccolo, aveva la classica forma a "cappello da prete" con una cupola, di materiale trasparente, ben visibile; presentava, inoltre, una intensa luce fosforescente verde azzurra sul bordo esterno. Entrambi si muovevano da SUD-EST a NORD-OVEST, con un moto rettilineo e veloce intervallato da brevi pause. Il fenomeno durò alcuni secondi, e questo dette modo al Bagnulo di scattare una fotografia dello stesso.
Il Centro Ufologico Nazionale, dopo essere venuto a conoscenza casualmente dell'accaduto, riuscì ad avere la foto ed il relativo negativo. Dalle analisi fotografiche fatte non risultò alcuna manipolazione del negativo; anzi si poté accertare che la colorazione del'oggetto più piccolo era giallo-rossastra e non verde-azzurro, come affermato dal testimone.
(Ufo in Italia Vol. 3°)

08/07/67 23.?? MANFREDONIA (FG) - Uno strano puntino luminoso, simile ad una stella, fu visto compiere delle evoluzioni: dopo essere andato verso EST, tornò indietro, lentamente, per andare poi verso SUD. Infine, dopo circa 15 minuti e dopo essersi nuovamente fermato, scomparve verso SUD ad una velocità incredibile.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 09/07/1967) 

19/08/67 01.01 SIPONTO (FG) - Lo stesso fenomeno fu visto a Siponto, ma con due varianti: il colore del globo era verde, quello della scia "policromo".
POSSIBILE CAUSA: Meteora.
(Corriere della Sera 20/08/1967 - Giornale del Mattino 20/08/1967 - Il Messaggero 20/08/1967 - Roma 20/08/1967 - Ufo in Italia Vol. 3°)

??/03/73 07.30 LUCERA (FG) - Un oggetto non identificato di colore rosso fuoco, velocissimo, fu avvistato da tre componenti il gruppo di ricerca "Pleiadi", Giovanni Mentana, Alfonso Colasanto e Antonio Di Canto. L'oggetto, dopo essersi fermato, riprese il tragitto in direzione opposta da quella in cui era arrivato, emettendo una luce ad intermittenza. La durata dell'avvistamento fu di circa 30 secondi mentre le dimensioni dell'UFO furono stimate in "maggiori di una stella di prima grandezza".
(Il Giornale dei Misteri 30/1973)

05/06/73 09.50 LUCERA (FG) - Altri due componenti del gruppo "Pleiadi", Giovanni Mentana e Luigi Caccese, mentre osservavano la volta celeste, videro tre oggetti luminosi, di diverse dimensioni e di colore rosso, che la solcavano.
(Il Giornale dei Misteri 30/1973)

22/02/75 03.19 ORTANOVA (FG) - Due macchinisti delle Ferrovie dello Stato, Filippo Simone e Antonio Milella, mentre erano alla guida del treno rapido Bari-Napoli, all'uscita da una curva, notarono, a circa 800 metri di distanza, un oggetto a forma di "tronco di cono" che stazionava nei pressi dei binari. Le dimensioni apparenti erano quelle di "un autobus, come quelli che vengono usati per portare a scuola i bambini", mentre il colore, da rosso-arancio, cambiò in varie tonalità sino a diventare bianco-latte. All'arrivo del treno, l'oggetto si levò subito in volo e, nel punto di maggior vicinanza, al Simone parve di scorgere, ai lati dello stesso, una struttura metallica.
Durante le fasi dell'avvistamento, alcuni strumenti della locomotiva ebbero degli sbalzi improvvisi e, a detta dei testimoni, lo stesso treno sembrò aumentare autonomamente la velocità.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 23/02/1975 - Indagine del Gruppo "G.R.U.Z." di Bari - Indagine del Gruppo "F.U.R.S.E.P." di Bari - Il Giornale dei Misteri 53/1975)

26/12/75 08.?? LOCONIA (FG) - Il giornalista de "La Gazzetta del Mezzogiorno" Pino Aprile, fu contattato da due camerieri che affermarono di aver visto uno strano oggetto discoidale, con una piccola cupola al centro, volteggiare sul paese per poi sparire.
(Il Giornale dei Misteri 77/78-1978)  

13/12/78 06.?? S.GIOVANNI ROTONDO (FG) - Due cacciatori, che su due diverse autovetture si recavano a caccia, videro, ad un'altezza di circa 1000 metri e ad una distanza di 1.5 km., un "sigaro grande quanto un aereo, fermo in cielo e di colore argenteo". Dopo circa un minuto l'oggetto scomparve.
(Il Giornale dei Misteri 122/1980)

15/12/78 06/07 ORSARA DI PUGLIA (FG) - Diverse persone videro un UFO dirigersi verso le montagne confinanti con l'Irpinia.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 16/12/1978)

17/12/78 03.?? BOVINO (FG) - Numerose persone videro, tra le 03 e le 05, un oggetto di colore rosso intenso che si spostava irregolarmente nel cielo, per poi scomparire improvvisamente.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 18/12/1978 - La Sicilia 18/12/1978)

19/12/78 19.?? FOGGIA - Il m.llo Marcello Della Rovere, in servizio presso l'aeroporto di Amendola, e l'avv. Roberto Pucillo, ex presidente dell'Aeroclub di Foggia, avvistarono un oggetto luminoso mentre sorvolava i monti del sub-appennino dauno.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 20/12/1978)

30/08/79 MATTINA FAETO  (FG) - Un gruppo di archeologi dilettanti vide un oggetto sferico, molto luminoso, che compiva evoluzioni nell'aria emanando bagliori intermittenti di colore arancione.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 01/09/1979)

15/12/78 18.45 RODI GARGANICO (FG) - Tre "commis di cucina", Michelangelo D'Addato, Nicola Masella e Michele Principe, riferirono che, durante il loro tempo libero, mentre andavano a Rodi Garganico, arrivati nei pressi della località "Mulino", notarono nel cielo, per circa quattro o cinque secondi, "una luce di colore bianco intenso", a forma di "cappello da prete"; essa procedeva verso SUD-OVEST ad "altissima velocità" con assetto di volo "verticale" e con manovre a "zig-zag", ad una distanza da loro di oltre mezzo chilometro e ad una quota di un centinaio di metri. Poi scomparve nel nulla. Gli osservatori affermarono di aver provato paura.
(Il Giornale dei Misteri 128/1981)

15/12/78 19.30 VICO DEL GARGANO (FG) - Il cuoco Giuseppe Miglionico ed una guardia campestre di Vico del Gargano, per circa quindici minuti, videro, "fermo" nella zona di cielo al di sopra della campagna circostante la cittadina pugliese, uno strano oggetto rotondo, bianco, dai 20 ai 30 cm. di diametro. Il corpo volante si trovava ad alta quota, verso SUD-OVEST, ed emanava una luce abbagliante nel cielo quasi sereno.
(Il Giornale dei Misteri 128/1981) 

18/12/78 17.55 SAN GIOVANNI ROTONDO (FG) - Lo studente Antonio Marchesani, vide, da Piazza Municipio, nel cielo poco nuvoloso, un "oggetto" che si muoveva da EST ad OVEST con assetto di volo "costante" ed a "notevole velocità". La "cosa" era di colore giallo e rosso.
(Inchiesta del Gruppo "Gruppo di Ricerche Ufologiche" di San Giovanni Rotondo - Il Giornale dei Misteri 131/1981)

21/12/78 08.?? ORSARA DI PUGLIA - PANNI (FG) - Un autista di piazza e due clienti che erano in auto, la commerciante Michelina De Luca col proprio figlio 12enne, videro apparire all'improvviso un "oggetto volante", mentre percorrevano la strada provinciale tra la stazione di Orsara di Puglia e l'abitato di Panni. Il grosso oggetto emanava una luce abbagliante ed i tre testimoni ebbero l'impressione di venire travolti da quel "corpo" sconosciuto, che stava velocemente avvicinandosi a loro. L'autista fu talmente impressionato da rimanere sotto choc: innestò perfino la retromarcia ed andò a fermarsi proprio sul ciglio della strada. Qualche minuto dopo tutti e tre gli occupanti del taxi, parecchio impauriti, vennero soccorsi da una persona del luogo.
(Corriere del Giorno 22/12/1978 - Il Piccolo 22/12/78 - L'Eco di Padova 22/12/78 - Il Giornale dei Misteri 134/1982 - La Gazzetta del Mezzogiorno 22/12/1978)

??/12/78 09.30 SAN GIOVANNI ROTONDO (FG) - Tre studenti sangiovannesi, Giovanni Esposito, Basilio Fiorentino e Nunzio Quotadamo, mentre stavano percorrendo il Viale dei Cappuccini, videro un "oggetto sferico" attraversare il cielo a "grande velocità e con assetto di volo costante da NORD/OVEST a SUD/EST". Fiorentino dichiarò di aver provato un senso di benessere durante l'avvistamento, che durò in tutto soli quattro secondi.
(Indagine del Gruppo "C.R.U." di San Giovanni Rotondo (FG) - Il Giornale dei Misteri 141/1983)

14/02/79 12.28 SAN MARCO IN LAMIS (FG) - Lo studente sedicenne, indicato con le sole iniziali P.T., per suo espresso desiderio, da una finestra dell'aula di II/B del Liceo Scientifico di San Marco in Lamis vide, alla distanza di circa trecento metri, una "sfera luminosa di colore rosso fuoco" del diametro di quasi un metro e mezzo, mentre stava discendendo obliquamente dal cielo, poco nuvoloso, per andare a scomparire dietro ad una casa. L'oggetto sembrava seguire, con "assetto di volo costante", una traettoria da EST a OVEST. Il fenomeno, durato in tutto cinque secondi, provocò nel testimone "scarsa emozione".
(Indagine del Gruppo "C.R.U." di San Giovanni Rotondo (FG) - Il Giornale dei Misteri 148/1983)

15/07/75 01/03 SAN GIOVANNI ROTONDO (FG) - A.M. ed O.M., due operai che stavano tornando dal Belgio, mentre percorrevano il tratto autostradale tra Termoli e San Severo, videro in cielo un oggetto poco più luminoso delle stelle. Emanava un bagliore argenteo ed aveva, nella parte inferiore, come due "gambe". I due, in prossimità del Gargano, si fermarono, discesero dall'auto e l'ossevarono meglio: poterono constatare che si muoveva lentamente dirigendosi verso SUD. Più tardi, raggiunto il paese di San Giovanni Rotondo, A.M., dalla terrazza di casa ed insieme ai suoi familiari, potè ancora osservare il corpo luminoso che ora si stava dirigendo ad EST. Secondo O.M., l'oggetto, che complessivamente fu visibile per ben due ore, effettuò anche delle manovre a zig-zag, e, dopo essersi fermato, delle strane evoluzioni.
(Indagine del Gruppo "Centro Ricerche sui Misteri" di San Giovanni Rotondo (FG) - Il Giornale dei Misteri 105/1979)

??/11/89 16.33 MANFREDONIA (FG) - La Sig.ra Raffaella Guerra ed il figlio Alessandro videro, dalla finestra della loro abitazione, una "luce" di forma rotonda e di colore bianco o rosso, che presentava una scia o coda, ad essa collegata, formata da due o più parti. Il moto era perfettamente lineare e la velocità relativamente bassa; le dimensioni andavano da "due o tre volte" a "più piccola" della luna. (Queste discordanze sono dovute ai diversi ricordi della madre e del figlio, che sono stati ascoltati separatamente - N.d.R.). Inoltre la "luce" presentava, nella parte inferiore, una specie di "zig-zag" più scuro. L'avvistamento durò circa 5 minuti, finchè la "luce" non scomparve dietro i monti del Gargano. La signora chiese notizie all'aeroporto militare "Luigi Rovelli" di Amendola, dove le fu risposto che loro non avevano visto nulla, ed ai Carabinieri di Manfredonia che le dissero di non dire niente in giro per evitare di creare panico !!!
(Indagine di Arcangelo Cassano, Coordinatore C.I.S.U./PUGLIA)

??/??/79 22/23 MANFREDONIA (FG) - Mentre si intratteneva a parlare nei pressi della sua abitazione con la sorella Cinza ed un amica di questa, Angelo Gramazio vide un oggetto luminoso, di colore bianco, che volava ad un'altezza approssimativa di 25 metri. L'oggetto, proveniente dal mare, si dirigeva verso le montagne del Gargano, non emetteva nessun rumore e, nonostante la luminosità, non sembrava riflettere la luce sui palazzi sorvolati. Nella parte inferiore furono notate due o più luci brillanti di colore rosso e blu. Il moto fu descritto come rettilineo e la velocità intorno ai 50/60 km. Passato il primo momento di stupore, Gramazio corse sul balcone di casa per avere una visuale più ampia e vi trovò i genitori che gli confermaro di aver visto anche loro l'oggetto. Non riuscendo a vedere nulla, andò sul terrazzo, ma anche di qui non riuscì più a scorgere l'oggetto.
(Indagine di Arcangelo Cassano, Coordinatore C.I.S.U./PUGLIA)

21/07/91 20.45 LAGO DI LESINA (FG) - Il Dr. Benvenuto stava rientrando a Foggia percorrendo la superstrada che collega Rodi a Sannicandro Garganico, quando vide, fermo sull'istmo che separa il lago di Lesina dal mare, una luce molto intensa, di colore arancione.
Mentre guardavano incuriositi lo "spettacolo", insieme ad altri automobilisti che si erano fermati per lo stesso motivo, videro sopraggiungere, da NORD/EST, un'altro globo, simile ma molto più piccolo di quello fermo, con una piccola scia di colore azzurro-verdognolo, che iniziò a girare intorno al primo. Dopo qualche secondo questa seconda "luce" si allontanò nella stessa direzione dalla quale era venuta.
POSSIBILE CAUSA: L'indagine condotta dal Dr. Cassano presso vari Enti (Ufficio Meteorologico dell'Aeroporto civile di Bari-Palese e Dipartimento di Geologia e Geofisica dell'Università di Bari) ha portato a ritenere che la causa di questo fenomeno possa essere stata una sfera di biogas formatasi sulle acque del lago di Lesina.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 24/07/91 - Indagine di Arcangelo Cassano, Coordinatore C.I.S.U./PUGLIA)

02/07/64 01.20 S.FERDINANDO DI PUGLIA (FG) - Quella notte, oltre alle due "consuete" ruote, che sembrarono abbassarsi notevolmente sul paese roteando vorticosamente, fu notata anche la presenza di un altro oggetto circolare che, insieme ad esse, si diresse verso il mare.
(Il Giornale del Mattino 03/07/1964 - La Domenica del Corriere 19/07/1964 - Inchiesta del Gruppo "F.U.R.S.E.P." di Bari - Il Giornale dei Misteri 85/1978 - UFO in Italia Vol. 3°)

21/07/91 21.45 SANNICANDRO (FG) - Un'altra testimonianza venne dal Sig. Bortone, anch'egli vigile urbano di Sannicandro Garganico, che in compagnia della moglie, potè seguire lo stesso fenomeno da una strada di campagna vicino al paese.
POSSIBILE CAUSA: Vedi quanto detto per i casi precendenti.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 24/07/1991 - Indagine di Arcangelo Cassano, Coordinatore C.I.S.U./PUGLIA)

21/07/91 20.45 TORRE MILETO (FG) - Un vigile urbano di Sannicandro Garganico, il Sig. Fania, vide da Torre Mileto, un paese a circa 1 Km. dall'istmo del lago di Lesina, lo stesso il fenomeno. In particolare, il testimone disse di aver notato che la "luce" saliva nell'aria per un centinaio di metri per poi discendere quasi al livello del mare, lasciandosi dietro una piccola scia di colore rosso-arancione.
POSSIBILE CAUSA: Vedi quanto detto per il caso precedente.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 24/07/1991 - Indagine di Arcangelo Cassano, Coordinatore C.I.S.U./PUGLIA)

25/08/84 22.20 STORNARELLA (FG) - Nel cielo sereno, ad una quota definita "alta", fu vista una luce di colore rosso vivo che volava con una velocità ridotta. L'oggetto, che era apparso con una forma circolare, la mutò in seguito in rettangolare.
(Avvistamenti O.V.N.I. - Stato Maggiore Aeronautica, 2° Reparto - Marzo 1979/Aprile 1985)
23/06/91 22.00 AMENDOLA (FG) - Un dipendente del Ministero della Difesa ed un sottufficiale dell'Aeronautica Militare, comunicarono al Comando della 3° Regione Aerea di aver visto un oggetto di forma "ovale", di colore giallo, immobile nel cielo ad un altezza tra i 2500/3000 metri. La visibilità era ottima e tirava poco vento.
(Avvistamenti O.V.N.I. - Stato Maggiore Aeronautica, 2° Reparto - Dicembre 1992) 

14/10/94 11.15 ROCCHETTA S. ANTONIO (FG) - Mentre percorreva un viottolo di campagna, il sig. Mastropietro Fiorentino vide a circa 500 m. di distanza, semicoperta da un roveto, una "sagoma", che si piegava in avanti e in dietro, egli ritenne essere un uomo intento a raccogliere le more. Avvicinatosi un po', notò che il colore di questa "sagoma" era argentato con la parte superiore destra blu; le dimensioni stimate furono di cm.50 di altezza, cm.30 di larghezza e cm. 20 di profondità.
Intuendo che non doveva trattarsi di un uomo ma di qualcosa d'altro, il sig. Fiorentino si riparò sotto un vigna e di lì vide questo essere che, dopo essersi alzato in volo, andò a fermarsi al di sopra di un albero rinsecchito. In questa fase il tesimone potè notare un lunga antenna posta al di sotto della "sagoma" e una certa rotondità della parte superiore. Dopo aver sostato qualche istante, la "sagoma" si alzò lentamente verso il cielo.
(Indagine di Arcangelo Cassano - Coordinatore C.I.S.U./Puglia) 

22/04/90 ??.?? LUCERA (FG) - Il vice questore di Lucera assistette al passaggio di "un oggetto volante, come una goccia luminosa, seguito da due boati simili a quelli che si odono quando un aereo supera il muro del suono".
CAUSA DEL FENOMENO: Bolide.
(Il Messaggero 22/04/90 e 23/04/90 - Corriere della Sera 23/04/90 Il Giornale dei Misteri, febbraio 1995)

16/03/95 19.30 RODI GARGANICO (FG) - Mentre stava parlando con sua moglie ed una sua amica, il sig. Claudio Checchia vide transitare, a circa 15/20 metri di altezza al di sopra dei palazzi del centro del paese, un oggetto oblungo, tipo "missile", luminoso, di colore bianco con una punta verde. L'oggetto aveva una traettoria quasi orizzontale, come una stella cadente. L'avvistamento durò circa 2/3 secondi e non fu udito alcun rumore.
PROBABILE CAUSA: Bolide.
(Indagine di Arcangelo Cassano - Coordinatore C.I.S.U./Puglia)

15/09/95 22.30 ROCCHETTA S.ANTONIO (FG) - Mentre stava chiudendo le finestre della sua abitazione, una signora vide un oggetto rotondo, di colore grigio con una quindicina di luci bianche lungo i bordi, che si muoveva con una traiettoria ondulata. La grandezza stimata fu di circa 2 volte una moneta da L.200. Dopo 2 o 3 minuti, l'oggetto scomparve all'improvviso.
(Indagine di Cassano Arcangelo - Coordinatore C.I.S.U./Puglia)

18/08/93 01.00 RIGNANO GARGANICO (FG) - Il testimone vide una luce piu' grossa di una stella comparire improvvisamente nel cielo, rimanere ferma per circa 10-15 minuti per poi dissolversi.
(Lettera di G.M.Turi - Collaboratore C.I.S.U./Emilia-Romagna)

01/10/94 20.11 FOGGIA - Simone Leonardo, un astronomo, mentre osservava il cielo, vide transitare un oggetto di colore biancastro, simile ad un aereo. Il fenomeno duro' circa 2 secondi ed aveva una dimensione apparente di circa 3-3,5 gradi; presentava, inoltre, una scia lunga molti gradi di luminosita' meno intensa dell'oggetto principale.
(Rivista "Orione" n.37 - Giugno 1995) 

08/11/95 09.18 AMENDOLA (FG) - Mentre transitava sull'autostrada A14, all'altezza di Amendola, il testimone vide, a circa 4 km. di distanza da lui, un oggetto descritto come "sferico" con un diametro di circa 30-40 metri, con un'ombra lungo il taglio che sembrava roteasse. L'oggeto aveva un movimento discendente con una velocita' apparente di circa 20 metri al secondo; dopo pochi attimi l'osservatoe non pote' piu' vedere il fenomeno a causa delle siepi di separazione delle corsie dell'autostrada.
Qualche giorno dopo, in compagnia del padre, assistette nuovamente al medesimo fenomeno, ma da molto piu' vicino, tanto che lo identifico' per una stormo di uccelli, molto piccoli, che volavano in gruppo.
CAUSA DEL FENOMENO: Stormo di uccelli
(Messaggi del testimone, A. Natale, tramite INTERNET dell'8 e 28/11/95)

28/04/81 SERA FOGGIA - Un astronomo dilettante, mentre insieme con il padre preparava alcuni strumenti per l'osservazione del cielo, noto' il passaggio di tre oggetti che volavano in formazione.
Gli UFO non avevano un contorno preciso, emettevano una luce giallo-arancione con qualche sfumatura verde ed avevano una velocita' elevata: in 5-6 secondi attraversarono tutta la volta celeste. L'altezza stimata non era elevata ma simile a quella degli aerei da turismo.
(Lettera del testimone, R. Maggiore, al C.I.S.U.)

15/01/96 NOTTE LUCERA (FG) - Mentre stava guardando il cielo, un ragazzo di 14 anni inquadro' con il binocolo una "stella" verde che si muoveva in modo anomalo. Intorno ad essa si intravedeva una circonferenza piu' scura che rilevava essere una sfera verde scuro molto grande, tappezzata di luci rettangolari e sferoidali minuscole, con un piccolo cerchio luminoso di colore verde chiaro.
Piccoli oggetti luminescneti, a gruppi di tre, si avvicinavano alla sfera. Il fenomeno duro' circa 20 minuti.
(I Misteri n.14 Maggio/Giugno 1996) 

11/09/95 08.?? ROCCHETTA S. ANTONIO (FG) - Mentre portava a pascolare le pecore, Antonietta Garruto noto', in fondo ad una piccola valle un qualcosa di lucente. Avvicinatasi, si accorse di avere di fronte un piccolo essere, alto 50 cm. che sembrava inserito in uno scafandro fatto di materiale trasparente. L'entita' era ricoperta da una tuta di colore marrone ed aveva due piccole gambe; il viso era simile a quello umano. Portava, inoltre, sulla spalla una specie di semisfera argentata.
Dopo aver guardato per un po' di tempo, senza che la cosa suscitasse particolare interesse, la ragazza inizio' a risalire verso la strada; fu allora che si accorse che l'essere la stava inseguendo. Spaventata, raggiunse subito la strada dove fermo' Luigi Di Tuccio, un automobilista di passaggio, a cui racconto' l'accaduto indicando l'essere che era rimasto in fondo alla valle.
Mentre le due persone erano intente a guardare, il picolo essere inizio' a trotterellare sul terreno sconnesso per poi innalzarsi verso il cielo sino a scomparie alla vista.
L'indagine condotta non ha portato alla conferma di quanto affermato dai testimoni, sussistendo alcuni dubbi sulla reale dinamica dei fatti.
(La Gazzetta del Mezzogiorno 10/10/95 - Indagine di Cassano Arcangelo, Coordinatore CISU/Puglia)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...