martedì 22 ottobre 2013

Scie chimiche: appello a tutta la nazione

22 ottobre 2013 - Appello a tutta la nazione italiana ed a tutti i cittadini con coscienza e di buona volontà. Quello che sta accadendo nei nostri cieli in questi ultimi giorni di ottobre 2013 e' scandaloso. Aerei cisterna militari in azione 24 h su 24 stanno disseminando sostanze tossiche e nocive a bassa quota con lo scopo di avvelenare il popolo italiano e renderlo di fatto inerte ed incapace di reagire. E' in atto un genocidio di dimensioni planetarie e chiunque, ripeto chiunque neghi o sia omertoso su questo argomento si rende complice di crimini contro il popolo italiano e l'umanità. L'appello è rivolto in particolare a tutti i gestori di siti internet, blog, forum ed altre piattaforme di divulgazione affinchè possano iniziare a diffondere notizie su questo argomento. Ricordate nessuno, ripeto nessuno è escluso da tutto ciò ne va della salute dei vostri figli e dei vostri cari. Diffondete il piu' possibile!!! L'unica arma che abbiamo e' divulgare e condividere notizie sul fenomeno, le autorità incominciano a temere il diffondersi di questa consapevolezza minacciando ed attentando alla vita di coloro che hanno il coraggio di denunciare apertamente quello che sta accadendo.


SCIE CHIMICHE: LA TESTIMONIANZA DI UN RAGAZZO DEL SUD

Castelnuovo della Daunia - autunno 2013 (Puglia): scie schimiche - foto Francesco Beccia
di Gianni Lannes
Ecco sa accade ormai ovunque in Italia, anche in luoghi di montagna incontaminati fino a qualche tempo fa. La semplice osservazione di un giovane illumina più di qualsiasi trattato scientifico.
E' in atto effettivamente un avvelenamento di massa della Nato. Si tratta di un espertimento con finalità segrete che gode della connivenza dell'eterodiretto governo italiano e dello stato maggiore difesa.
Le scie cimiche nebulizzate sui centri abitati e dunque nei polmoni delle persone, nell'aria, nell'acqua e nella terra, contengono sostanze tossiche, principalmente alluminio, bario e polimeri artificiali!  
Salve Sig. Lannes. Mi presento innanzitutto: Francesco Beccia, 22 anni e le scrivo dalla provincia di Foggia, esattamente da Castelnuovo della Daunia. Mi complimento per il lavoro coraggioso che svolge denunciando cose che i nostri media non potranno mai sbattere ai quattro venti. E' da tempo ormai che mi soffermo sulle anomalie che i nostri cieli presentano ogni giorno e, facendo azionare un po' il cervello distinguendomi dalla massa che non vuole alterare la normale vita quotidiana, ho cominciato a fotografare giorno dopo giorno queste scie. Ho letto articoli su internet, visto video su youtube, e non riesco a spiegarmi come la maggior parte delle persone, non noti una differenza abissale tra il cielo di qualche anno fa e quello di oggi e non vada ad approfondire. Fino a 3-4 anni fa, in questo paesino sperduto del subappennino dauno passavano sporadicamente aerei di linea e li si vedeva minuscoli nel cielo, con una scia altrettanto piccola dietro che spariva in un attimo, anche perché consultando le cartine con le rotte aeree, qui sopra non dovrebbero assolutamente passare. Era quasi un evento quando passavano.
Castelnuovo della Daunia - autunno 2013 (Puglia): scie schimiche - foto Francesco Beccia

Ma la cosa che negli ultimi giorni mi ha convinto ad agire ed indagare ancor di più, sono i filamenti che cadono dal cielo. Circa una settimana fa, mentre fotografavo le scie immense nel cielo, ho notato nell'aria queste strane "ragnatele" ma ben più spesse delle normali ragnatele fatte dai ragni comuni. La mente mi ha portato subito a pensare in negativo, perché la coincidenza con il passare degli aerei saltava all'occhio.
Però ho preferito tacere, visto che era la prima volta che le notavo. Il problema è che, parlando con altri amici, di vari paesi qui intorno, hanno notato come me queste stranezze che piovono dal cielo, alcune addirittura "appese" ai segnali stradali o alle antenne della tv. E allora ho deciso di informarmi anche su questo e, come previsto, il pensare negativo mi dava ragione. Tutta l'Italia è invasa da questi filamenti. Ho letto che vogliono farle passare per "migrazioni di ragni che secernano ragnatele"... ma
dico: ma quanto sono idioti nel divulgare una spiegazione simile? Quanta verità può esserci nei ragni che volano e, mi perdoni il termine, "cagano" ragnatele in quantità più che industriale? 
La verità è una e la sappiamo benissimo. Ci stanno avvelenando e siamo in pochi a denunciarlo. Non so i motivi di questo inquinamento scandaloso, ma deve esserci per forza qualche piano diabolico alla base. Se lei ha qualche verità, qualche idea, qualche supposizione su tutto ciò, mi piacerebbe tanto saperla. Le allego le immagini delle scie presenti negli ultimi 4 giorni qui nei cieli dauni. Appena avrò la possibilità di fotografare i filamenti, gliele invierò sicuramente.  
Saluti.
Francesco Beccia
Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...