mercoledì 30 ottobre 2013

Un cielo chimico nel Gargano

Il Gargano, è notoriamente un'area naturalistica, senza alcuna presenza di insediamenti industriali. Questa foto è stata scattata poco fa nel cielo di Mattinata, ormai sempre più soffocato da una coltre chimica nebulizzata da attività militari. In quel momento non erano segnalati transiti di aerei di linea, che comunque, volano a non meno di 30 mila piedi. 

 Mattinata (30 ottobre 2013): scie chimiche!
Le persone si ammalano e muoiono improvvisamente. Recentemente ho perso un caro amico. Era uno sportivo, una persona sana nel fisico e nella mente. Aveva 50 anni. Era in perfette condizioni di salute fino a poco tempo fa! Poi gli hanno diagnosticato un cancro ai polmoni. Ora, non c'è più. A Mattinata, in particolare, come hanno rilevato tempo addietro i medici di base e i pediatri sono molto diffuse inspiegabili patologie respiratorie con esiti fatali. Ne ho parlato con quattro specialisti universitari, ma nessuno di loro mi ha dato una spiegazione plausibile. Un mistero? 

Certo, non è stato condotto uno studio epidemiologico e nemmeno uno screening sulla popolazione, ma in ogni caso il fenomeno è diffuso da un circa un decennio anche in altri paesi della Montagna del sole: Vieste, Peschici, Vico del Gargano, Rodi, San Marco in Lamis, San Giovanni Rotondo, Rignano Garganico, Ischitella, Carpino, Monte Sant'Angelo, Cagnano Varano e Sannicandro. Sarà un caso, i primi sintomi di avvelenamento sono emersi con il manifestarsi delle scie chimiche rilasciate da velivoli sotto controllo Nato.

di Gianni Lannes
Fonte: http://sulatestagiannilannes.blogspot.it
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...