sabato 9 novembre 2013

Il Trono di Spade: verso la quarta stagione

Anche quest’anno David Benioff e D.B. Weiss sono impegnati con le riprese di Game of Thrones, la serie televisiva basata sulle Cronache del ghiaccio e del fuoco di George R.R. Martin. Lo so che in italiano la serie si chiama Il Trono di Spade, ma io sono talmente abituata a leggere notizie sui siti americani che mi viene più spontaneo il titolo originale.


Quella che la prossima primavera arriverà sugli schermi di HBO, e suppongo pure su quelli di Sky, sarà la quarta stagione. Su cosa sarà basata? Se lo chiedono, e me lo chiedono, in tanti, quindi vedo di fare un po’ il punto sulla situazione attuale. Spoiler inesistenti e prima parte un po’ ripetitiva per chi mi segue da tempo visto che alcune cose le ho scritte decine di volte, ma alla fine penso che informazioni interessanti per tutti i fan di Martin ce ne siano. Per Le cronache del ghiaccio e del fuoco (A Song of Ice and Fire) al momento George R.R. Martin ha scritto cinque romanzi, che sono arrivati in Italia suddivisi in più parti anche se ultimamente Mondadori sta ripubblicando i libri in versione integrale. 


Questi i libri: 
  • Game of Thrones, tradotto come Il Trono di Spade e Il Grande Inverno (esiste anche la versione integrale); 
  •  Clash of Kings, tradotto come Il Regno dei Lupi e La Regina dei Draghi (esiste anche in versione integrale); 
  •  Storm of Swords, tradotto come Tempesta di Spade, I Fiumi della Guerra e Il Portale delle Tenebre (esiste anche in versione integrale); 
  •  Feast for Crows, tradotto come Il Dominio della Regina e L’Ombra della Profezia (la versione integrale sarà pubblicata nella primavera del 2014);
  •  Dance with Dragons, tradotto come I Guerrieri del Ghiaccio, I Fuochi di Valyria e La Danza dei Draghi (la versione integrale verrà pubblicata nella primavera del 2015). 

La storia non è finita, Martin è al lavoro sul sesto romanzo, The Winds of Winter. 

Il settimo e ultimo (se lo scrittore non cambia idea e non allunga la saga ancora una volta, visto che all’inizio questa avrebbe dovuto essere una trilogia) si intitolerà A Dream of Spring

Quando saranno pubblicati? Non lo sa nessuno, nemmeno Martin. Non credete a nessuna ipotetica data che trovate su internet fino a quando non sarà lo stesso Martin ad annunciare di aver terminato il romanzo. Dopo aver impiegato cinque anni per scrivere A Feast for Crows e sei (cinque in più del previsto) per scrivere A Dance with Dragons George ha deciso di non fare previsioni e di non sbilanciarsi sulle date. Sarà finito quando sarà finito. Lo annuncerà lui, e io riporterò immediatamente la notizia su FantasyMagazine e qui. 
 Martin ha scritto anche alcuni racconti ambientati nel mondo delle Cronache delle Ghiaccio e del Fuoco, ma ne riparlerò in un’altra occasione. 

Quando Benioff e Weiss hanno iniziato l’adattamento televisivo non sapevano se avrebbero potuto filmare una sola stagione o se il progetto sarebbe proseguito. Visto il successo di pubblico e di critica ora è chiaro che andranno avanti, ma all’inizio la cosa era tutt’altro che scontata. La loro idea era di realizzare una stagione per ciascun romanzo, e infatti la prima stagione è l’adattamento abbastanza fedele di Game of Thrones. Ci sono modifiche legate alle specificità dei due diversi mezzi espressivi, tagli e semplificazioni per motivi di budget, ma fondamentalmente la storia è quella. Mi spiace che in televisione manchi Brynden Tully detto il Pesce Nero ma pazienza, la serie è comunque fatta molto bene. Non a livello dei romanzi, per me la storia è e sarà sempre quella di Martin, ma Benioff, Weiss e tutta quanta la produzione, dal cast ai tecnici, hanno lavorato bene. 

La seconda stagione è l’adattamento un po’ infedele di Clash of Kings. Un po’ infedele perché le modifiche rispetto al romanzo sono maggiori, viene creato un personaggio come Talisa e si dona spazio a figure che Martin aveva lasciato un po’ al margine della trama. Viene anche anticipato, pur se con parecchie varianti, un episodio che avviene all’inizio del terzo romanzo. Con il tempo il progetto è cambiato, non più un romanzo a stagione ma l’intera serie televisiva per adattare l’intera serie di romanzi. Questo dona alla produzione maggiore libertà, con la possibilità di spostare avanti o indietro singoli episodi per ottenere effetti espressivi migliori. 

La terza stagione è l’adattamento di circa due terzi di A Storm of Swords. Il terzo romanzo è il più lungo fra quelli fin qui pubblicati, e al suo interno avvengono davvero tante cose. Comprimerlo in dieci episodi non gli avrebbe reso giustizia, perciò è stato spezzato in due parti diverse fra loro. In linea di massima la terza stagione contiene quanto narrato in Tempesta di Spade e I Fiumi della Guerra. Non l’ho ancora vista quindi non sono sicura su tutti i dettagli, ma da quello che ho letto non contiene l’ultimo capitolo dei Fiumi della Guerra, che confluirà nella quarta stagione

 

Cos’altro vedremo nella stagione che stanno filmando ora? 
In base all'annuncio del nuovo cast, vedremo la famosa scena con la Vipera Rossa, e spero che Benioff e Weiss facciano i bravi. Spero che le scene di Approdo del Re saranno narrate nei dettagli, anche se Mace Tyrell in televisione ha due soli figli – Margaery e Loras – e non quattro come nei romanzi, con tanti saluti a Willas lo storpio e a Garlan il Galante. Torneremo alla Barriera. Torneremo nella Valle di Arryn. Soprattutto, in questa stagione confluiranno elementi da ben tre romanzi. Paola Dionisotti Nella terza stagione manca l’ultima parte di Storm of Swords (un capitolo fondamentale dei Fiumi della Guerra + Il Portale delle Tenebre), e la ritroveremo qui. 
Ci sarà una parte di Feast for Crows, come indicato dai ruoli della Valle di Arryn (Lysa, Anya Waynwood, Yohn Royce). Ci sarà una parte di Dance with Dragons, come indicato dalla presenza di Tycho Nestoris. Del resto era impossibile che le stagioni televisive venissero divise come i romanzi. 

In Feast for Crows mancano ben cinque punti di vista di Storm of Swords, mica potevano lasciare a spasso gli attori con il rischio che accettassero altri ruoli e non fossero più disponibili per la nuova stagione o che gli spettatori si dimenticassero di loro. Secondo me è questo il motivo per cui hanno creato la trama di Alfie Allen/Theon Greyjoy nella terza stagione. 
Dovevano tenersi l’attore, e aiutare gli spettatori a ricordarsi della sua esistenza. Martin lo lascia da parte per due romanzi e lo riporta in scena in Dance with Dragons, Benioff e Weiss ci hanno fatto vedere quello che in passato avevamo solo immaginato. Anche Walda Frey (la nuova moglie di Roose Bolton), personaggio assolutamente minore nei romanzi e la cui importanza a quanto pare in televisione aumenta, suppongo abbia una trama legata agli avvenimenti di Dance with Dragons. Non ci sono, almeno al momento, personaggi legati alle trame di Dorne o delle Isole di Ferro, storie invece fondamentali in Feast for Crows

Le vedremo nella stagione successiva o semplicemente la produzione non ha ancora iniziato a filmarle e quindi non sono ancora noti i nomi dei nuovi attori? 
L’intera serie dovrebbe durare sette o otto stagioni, ho sentito dichiarazioni diverse da responsabili diversi di HBO. Quanto saranno aderenti ai romanzi le stagioni future?
E riuscirà George R.R. Martin a terminare Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco prima di essere raggiunto da HBO? 
Sono risposte che solo il tempo ci potrà dare.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...